Lavanda

La lavanda (Lavandula sp.) appartiene alla famiglia delle Labiate (come tante altre piante aromatiche), forma cespugli perenni, sempreverdi e legnosi alla base. Le foglie sono di colore grigio-verde, mentre i fiori (presenti in estate) sono violetti e raggruppati in spighe.

Originaria della Persia e delle isole Canarie, ma diffusa anche sulle coste del Mediterraneo, esistono molte varietà; cresce oggi in tutta Europa. Viene coltivata per l’estrazione dell’essenza, e l’essiccazione delle sommità fiorite.

Impiego:
Infuso e tintura madre, contro le affezioni delle vie respiratorie, in caso di leucorrea, cistite, emicrania. L’infuso aggiunto all’acqua del bagno per calmare le persone nervose. Aggiunta all’acqua per pulire i pavimenti, lascia nell’ambiente un buon odore (sempre che vi piaccia). Le spighe fiorali essiccate, vengono utilizzate per profumare cassetti ed armadi, ma possono essere utilizzate anche per creare oleoliti e insieme ad altre piante per fare suffumigi.
Essendo una pianta aromatica può essere utilizzata a piccole dosi anche in cucina.
(Biscotti Frittelle RisottoDolci  e ancora Biscotti )

L’olio essenziale di Lavanda è ricavato dalle spighe e dagli steli, l’essenza che se ne estrae é un antisettico naturale efficace nei trattamenti urogenitali, nel trattamento delle affezioni della pelle, quali ematomi, geloni, eritemi, acne e dermatite, favorisce la recessione dei gonfiori, allevia i dolori reumatici ed è particolarmente efficace insieme all’olio essenziale di ginepro, cipresso o zenzero. Ha anche funzione antidepressiva.

Caratteristiche: equilibrante, ammorbidente, centrante, stimola la fiducia in se stessi, facilita il sonno e la calma, cura tutti i tipi di pelle, migliora l’umore e l’atmosfera, contro lo stress e la tensione, lo squilibrio nervoso ed il cattivo umore.

L’o.e. può essere usato nell’acqua del bagno, nei bruciaprofumi, nelle maschere, in compresse disinfiammanti, nel massaggio per il corpo, come doposole o dopobarba e in altri svariati modi.

ATTENZIONE: non usare puro sulla pelle, ma opportunamente diluito in olio (di mandorle, di jojoba, di soia)

CURIOSITA: Lavanda deriva dal Latino e significa “che serve per lavare”.

Rif. : “Erbe buone per la salute” – Ed.Demetra; “Oli essenziali” – Ed.Primavera Life; “Manuale di aromaterapia” – Daniele Ryman Ed. Tecniche nuove

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...